4 views
0

E3 2019 è appena cominciato e già abbiamo potuto assistere ad alcuni colpi di scena che, seppur non troppo inaspettati, hanno lasciato a bocca aperta le centinaia di migliaia di spettatori da tutto il mondo. Una di queste è, senza ombra di dubbio, la nuova console di casa Microsoft: Xbox Scarlett, che dopo mesi e mesi di indiscrezioni è stata finalmente annunciata in via ufficiale.

È Phil Spencer in persona, dal palco dell’evento più importante dell’anno, a lanciare la notizia che tutti stavano aspettando: il modo migliore possibile per concludere alla grande una conferenza che, tra alti e bassi, ha comunque regalato uno spettacolo in grado di soddisfare i fan di Xbox e non solo. Ma alla luce di quanto visto, era lecito aspettarsi qualcosa in più o Xbox Scarlett sarà davvero la console definitiva? Scopriamolo insieme, riflettendo in primis su quanto appena annunciato in quel di Los Angeles.

Xbox Scarlett: la sfida è aperta

È ora di parlare della nuova console!”. Con una semplice frase, pronunciata quando la conferenza stava per giungere al termine, Phil Spencer è riuscito a scaldare la folta platea di persone che non aspettavano altro che un annuncio del genere. Nel farlo, il numero uno di Xbox ha lanciato un filmato – che potete (ri)vedere alla fine di questo articolo – con il quale ha dato voce ad alcuni degli ingegneri che hanno lavorato su questo nuovo, attesissimo Project Scarlett.

Il team, manco a dirlo, è composto dall’elite di professionisti che ha dato vita a Xbox One X e che ora mira a offrire ai giocatori un’esperienza ancora più immersiva. Perché, come ricorda Spencer, al centro di tutto ci dev’essere il gaming stesso e ciò che rappresenta per i milioni di giocatori in tutto il mondo.

Foto generiche

Raggiungere obiettivi del genere richiede ovviamente risorse di un certo genere, a partire da un hardware capace di fronteggiare tutte le sfide che la continua evoluzione tecnologica pone agli sviluppatori alla continua ricerca dell’innovazione. Xbox Scarlett sarà ben quattro volte più potente di Xbox One X, potendo contare su:

  • Processore Zen 2 con GPU AMD Navi;
  • RAM GDDR6;
  • Ray Tracing;
  • Unità di memoria SSD;
  • Supporto all’8K e fino a 120 fps.

Specifiche di tutto rispetto dunque, per una console orientata al futuro che promette di rendere la prossima generazione qualcosa di ancora più emozionante: il meglio, insomma, deve ancora venire. Già perché con requisiti di sistema del genere, e con la collaborazione con AMD che sembra aver prodotto qualcosa di incredibilmente prestante, la sfida a Sony si fa sempre più calda.

Xbox Scarlett sembra infatti presentare un comparto hardware molto simile a quello di PlayStation 5: sarà dunque il catalogo di giochi, ancora una volta, a fare la differenza. In tal senso Microsoft ha già mostrato qualcosa in più del diretto concorrente, annunciando che Halo Infinite sarà tra i primi titoli disponibili per la nuova console, la cui uscita è prevista per la fine del 2020.

Foto generiche

Tornando alla console, è possibile notare sin da subito come le caratteristiche di esso siano incentrate a offrire una maggior velocità al sistema stesso: l’introduzione – necessaria e ormai fondamentale – di un SSD è già un passo avanti molto significativo, per ridurre al minimo i tempi di caricamento richiesti dai sempre più complessi titoli presenti oggi sul mercato. La RAM sarà inoltre una velocissima GDDR6, le cui prestazioni favoriranno sempre di più l’immersione dell’utente in un’esperienza di gioco sempre più avvincente.

Una risoluzione 8K, unita al Ray Tracing e alla possibilità di raggiungere i 120 fps, offriranno poi prestazioni che possiamo equiparare a quelle di molti PC da gaming presenti sul mercato. Staremo a vedere ma, come afferma uno degli ingegneri del colosso di Redmond, Xbox Scarlett “eats monster for breakfast” (“è in grado di mangiarsi mostri a colazione”, ndr).

Nuova generazione, nuovo inizio

L’attuale generazione di console ha regalato ai giocatori titoli di altissimo livello: capolavori che, siamo certi, resteranno nel cuore degli appassionati ancora per molti anni a venire. Xbox, da questo punto di vista, non è stata da meno con perle del calibro di Forza Horizon 4, Ashen, Gears of War 4, Sunset Overdrive e tante, tantissime altre.

Ciò nonostante Xbox One non è riuscita, per tutta una serie di motivi, a raggiungere il successo ottenuto con l’ormai storica Xbox 360, registrando vendite al di sotto delle aspettative. PlayStation 4 ha vinto alla grande la sfida rappresentata dal mercato: il momento di Microsoft è dunque arrivato, e Scarlett sarà una degna risposta a tutti coloro che troppo spesso hanno sottovalutato l’ottimo operato della divisione capeggiata da Phil Spencer.

La voglia di rivalsa sarà infatti una delle chiavi di volta su cui Microsoft plasmerà la propria strategia, e l’assenza del diretto concorrente durante questa edizione dell’Electronic Entertainment Expo è stata l’occasione per annunciare al mondo il progetto con cui tentare la scalata verso la next gen.

Con tutta l’attenzione canalizzata su di sé, Xbox ha dunque messo in tavola tutte le carte a propria disposizione con un annuncio che getta le basi per un prossimo futuro davvero molto interessante. Nei prossimi mesi assisteremo infatti a un costante flusso di notizie, sia da una parte che dall’altra, su quelli che saranno i dispositivi che domineranno il mercato nei prossimi anni. E noi, in tutta sincerità, non vediamo l’ora di saperne di più.

Xbox Scarlett dunque è realtà e quanto abbiamo visto finora, seppur non troppo, è un ottimo punto d’avvio per cominciare a introdurre al mondo quella che promette di essere la console definitiva: la console che, secondo quanto affermato da Spencer, sarà pronta a dominare la prossima generazione. La sola cosa che, forse, avrebbe scaldato ancor di più gli animi degli appassionati sarebbe stata vedere almeno un assaggio di come sarà dal punto di vista estetico il nuovo prodotto di punta del gaming secondo Microsoft: per questo, però, c’è ancora tempo.

In attesa di ulteriori aggiornamenti, vi invitiamo a continuare a seguire E3 2019 sulle pagine di Game Division e soprattutto a dirci la vostra: come vi sembra Xbox Scarlett? Siete soddisfatti o vi aspettavate qualcosa in più?