33 views
0

Nel corso della notte italiana, Microsoft ha presentato i risultati finanziari dell’ultimo trimestre dell’anno fiscale. Tra i dati diffusi dal colosso di Redmond ci sono anche quelli di Xbox, che fanno registrare un netto calo rispetto al passato. Una discesa che però ha delle ragioni e che andiamo ad analizzare poco più in basso.

Partiamo dai numeri: i ricavi dei giochi e dell’hardware targato Xbox sono calati del 13% rispetto al 2021. Fa meglio, invece, il Game Pass, che ha visto un aumento dei giocatori iscritti e degli utenti attivi mensilmente. Il calo dei ricavi è però perfettamente normale, considerando l’anno appena vissuto dalla divisione gaming del colosso di Redmond. A preoccupare maggiormente sono però le poche vendite delle due piattaforme: mai in una generazione si era verificato un calo così netto a pochi anni dall’inizio della stessa.

Nel 2021, Microsoft ha avuto probabilmente il miglior anno di Xbox. Nel periodo autunnale e invernale, infatti, il colosso di Redmond riuscì a pubblicare diversi giochi molto validi come Halo Infinite e Forza Horizon 5 (che potete acquistare su Amazon), senza dimenticarsi di Age of Empires 4. Un portfolio di giochi e di IP first party che ha ovviamente spinto i giocatori a spendere di più nell’intero ecosistema, una situazione che non si è verificata invece nel 2022. Lo scorso anno, infatti, Microsoft non ha avuto nessun tripla A esclusiva e di peso. Probabilmente, se Starfield e Redfall fossero usciti rispettando le loro release date, la storia sarebbe andata in maniera molto diversa.

Microsoft deve ovviamente fare di meglio nel 2023. Al momento il colosso di Redmond punta a pubblicare ben tre esclusive nel corso di quest’anno solare, ovvero Starfield, Redfall e Forza Motorsport. Tre giochi che potrebbero cambiare le sorti di Xbox, non solo a livello di ricavi per quanto riguarda la vendita del software, ma anche dell’hardware.