5 views
0

Come ben saprete, ad inizio settimana CD Projekt RED ha dichiarato di aver subito un attacco informatico. Il massiccio cyberattacco ha certamente messo in guardia i componenti della società che si sono ritrovati con diversi dati rubati, oltre a tutto questo i malviventi hanno anche ricattato il team polacco chiedendo quindi un riscatto, rifiutato dalla stessa azienda. L’essersi opposti ha portato gli autori della violazione hanno messo all’asta parte della refurtiva, tra cui alcune porzioni del codice sorgente di GWENT.

Gwent: The Witcher Card Game

CD Projekt RED aveva lasciato una dichiarazione in cui affermava che il “gruppo non identificato” aveva dato come ultimatum 48 ore, queste sono passate e sembra che gli hacker si siano rimboccati le maniche. Secondo le informazioni rilasciate da vx-underground (potete vedere il tweet alla fine della notizia), il codice sorgente di GWENT sia già online, mentre quello di Cyberpunk 2077 e The Witcher 3 sono all’asta partendo da un milione di dollari per chiudere, eventualmente, a sette.

Il tutto non è ancora chiaro, risulta essere inaspettato anche per noi. CD Projekt RED non ha ancora dichiarato nulla a riguardo, è molto probabile che lo faccia nelle prossime ore. Intanto ha messo in guardia i propri dipendenti ma soprattutto gli appassionati, ribadendo che non sono stati rubati dati privati di ogni singolo giocatore. Questa si tratta dell’ennesima brutta situazione dell’azienda polacca, inoltre c’è la possibilità che l’attacco sia avvenuta dall’interno mettendo a rischio ulteriormente la credibilità della società.

Cosa ne pensate di questa notizia? Non ci resta che attendere novità ed informazioni aggiuntive, intanto vi invitiamo come di consueto a seguire le nostre pagine per tutti i dettagli relativi augurando che le cose si sistemino nel verso giusto. Sappiamo bene come la società abbia sbagliato, del resto lo sanno anche loro, ma è anche vero che certamente non meritano tutte queste tegole una dietro l’altra.