0

In questi ultimi anni i giochi mobile free-to-play stanno aumentando a vista d’occhio, come i ricavi delle software house grazie a questi del resto. Bandai Namco con Dragon Ball Z Dokkan Battle ha guadagnato la bellezza di 2 miliardi di dollari in quasi 5 anni, per non parlare ovviamente di Pokémon GO che ha fruttato a Niantic solo nel 2019 ben 894 milioni di dollari. Probabilmente Ubisoft si è informata su questo tipo di titoli visto che nelle ultime ore ha annunciato l’acquisizione di Kolibri Games, team tedesco ritenuto uno dei più importanti nell’ambito mobile free-to-play.

Il team è specializzato principalmente su quella fetta di titoli chiamata “idle“game, cioè quei videogiochi molto semplici dove il gameplay è incentrato più sulla velocità di pressione che sulla bravura vera e propria. Ubisoft quindi acquisisce il 75% di Kolibri Games, una mossa strategica che fa intuire che la casa di sviluppo francese stia puntando molto su questa tipologia di videogiochi, del resto nel 2019 acquistò anche Green Panda Games.

Ubisoft logo

Jean-Michel Detoc, direttore esecutivo di Ubisoft Mobile, ha dichiarato quanto segue: “Stiamo rinforzando il nostro portfoliodi giochi idle con l’acquisizione di Kolibri Games, uno dei leader del segmento, il cui gioco principale Miner Tycoon è cresciuto costantemente dal 2016. Siamo davvero grati e lieti che questo team si è unito ad Ubisoft“. Mentre Daniel Stammler, cofondatore di Kolibri Games ha affermato: “Ubisoft è una potenza creativa ed uno dei brand più forti nel settore videoludico, perciò siamo davvero onorati di poter entrare in questa grande famiglia. È un momento estremamente importante nella storia della nostra giovane azienda, che ci consentirà di espandere le nostre possibilità di sviluppo“.

Cosa ne pensate di questa notizia? Credete che Ubisoft stia facendo la scelta migliore a buttarsi anche sul mobile free-to-play? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto. Come sempre vi ricordiamo di seguire le nostre pagine per tutte le novità relative ad Ubisoft ed a tutte le case di sviluppo videoludiche.