0

Il prossimo anno potremo finalmente mettere le mani su PlayStation 5, la nuova macchina da gioco di Sony. Per ora, abbiamo potuto scoprire parte dei dettagli legati alle componenti interne, le quali promettono un serio passo in avanti rispetto all’attuale generazione. A conti fatti, però, la parte più importante è che ci siano giochi di qualità, i quali devono essere prodotti da sviluppatori di talento. Al tempo stesso, però, la creazione di un gioco può essere resa più o meno facile dalla console. È quindi un circolo vizioso o virtuoso, a seconda dei casi (ricordiamo i primi anni di PS3). La domanda perciò è: PS5 semplificherà lo sviluppo?

Basandoci su quanto rivelato da Jim Ryan, CEO di Sony Interactive Entertainment, PS5 è la console con la quale è più semplice programmare nell’intera storia Sony. Ecco la sua dichiarazione, rilasciata ai microfoni di GamesIndustry.biz: “Una cosa che mi rende molto ottimista è che, stando a quanto detto dagli sviluppatori e dai publisher, l’esecuzione del codice di gioco su PS5 è molto più semplice, rispetto a qualsiasi altra piattaforma PlayStation.

PS5 PlayStation 5 dev kit render let's go digital

Jim Ryan spiega inoltre che a seguito della ristrutturazione interna ha riunito le tre divisioni (US, Europa e Giappone) così da rendere il lavoro più coerente e focalizzato, sopratutto sul lato marketing, in tempo per il lancio di PS5. Marvel’s Spider-Man, rilasciato lo scorso anno, è il primo prodotto che ha beneficiato di questo trattamento: le incredibili vendite su PS4 sono un esempio lampante di come l’approccio di Ryan funzioni.

Infine, Ryan afferma che Sony è sempre attenta alla possibilità di acquistare nuovi team, ma trattandosi di una mossa importante e dispendiosa è ben cosciente di dover ponderare con calma la questione. Diteci, voi cosa ne pensate del futuro del marchio PlayStation?