0

In base alle indiscrezioni circolate sinora, nel corso dell’anno Nvidia dovrebbe presentare una nuova generazione di schede video basata su un’architettura chiamata “Ampere” e sul processo produttivo a 7 nanometri. L’azienda statunitense potrebbe già discutere dell’architettura alla GTC 2020 di marzo, anche se non è detto che sarà in quel contesto che svelerà l’ipotetica famiglia di schede video gaming GeForce RTX 3000.

Secondo quanto riportato dal sito Tweaktown, che cita il sito cinese MyDrivers, la casa di Santa Clara starebbe lavorando su diverse GPU, tra cui due chip chiamati GA103 e GA104. A far storcere il naso è senz’altro il primo nome, in quanto visto il recente passato (GP102, TU102) ci aspetterebbe un GA102 e non un GA103. Questo non significa che non vedremo un GA102, ma che potrebbe esserci un chip intermedio tra GA104 e GA102 laddove oggi tra TU104 e TU102 non esiste. Prendete quindi il tutto con sano scetticismo.

Stando alle voci di corridoio, GA103 sarebbe un chip di fascia alta, con specifiche davvero impressionanti se paragonate a quelle di molte proposte Turing. Si parla infatti di 3840 CUDA core (60 streaming multiprocessor), ben 10/20 GB di memoria GDDR6 e bus a 320 bit. Tale soluzione dovrebbe finire a bordo dell’ipotetica GeForce RTX 3080.

Il GA104 avrebbe invece specifiche minori, ma comunque interessantissime: 3072 CUDA core (48 SM), 8/16 GB di memoria GDDR6 e bus di memoria a 256 bit. Specifiche che numericamente ricordano l’attuale RTX 2080 SUPER, ma che ovviamente non tengono conto dei progressi dell’architettura e l’efficienza maggiore garantita dal processo produttivo migliore. Questa soluzione dovrebbe finire nell’ipotetica GeForce RTX 3070.

Secondo Tweaktown, il GA103 sulle schede video consumer dovrebbe essere accompagnato da 10 GB di memoria GDDR6, mentre le soluzioni professionali Quadro avranno ben 20 GB di memoria. Come scritto prima, la possibile esistenza di un GA103 non esclude un GA102, che potrebbe dare vita alla RTX 3080 Ti e a un successore della Titan RTX.

L’attuale TU102 a bordo della GeForce RTX 2080 Ti offre 4352 CUDA core (68 SM), ma in realtà il TU102 “completo” conta 4608 unità, come sulle Quadro RTX 8000, 6000 e Titan RTX, grazie a 72 SM al cui interno per ognuno ci sono 64 CUDA core.