3 views
0

Fin da quando Square Enix ha mostrato il primo trailer di Final Fantasy 16, la frenesia aveva lasciato intuire un avvicinamento ancor più prorompente verso le meccaniche action. La storica saga è pronta a dire addio definitivamente alle meccaniche ruolistiche? Il Producer del gioco, Naoki Yoshida, ha parlato proprio del combat system in una trasmissione radiofonica, come riportato su Twitter da Tony Garsow, Senior Editor di Nova Crystallis. Yoshida ha affermato che il titolo sarà effettivamente ‘orientato all’azione‘.

final fantasy 16

Ciononostante, gli sviluppatori stanno lavorando a un non precisato supporto per i giocatori meno esperti del genere. Improbabili, di certo, sono le semplificazioni adottate in Final Fantasy 7 Remake in modalità facile, ovvero quelle legate alla barra ATB, visto che il sedicesimo capitolo della saga avrà combattimenti in tempo reale. Con questo dubbio sul combat system, il producer ha inoltre comunicato che il team sta duramente lavorando al comparto narrativo.

Final Fantasy 16, non ha ancora una data d’uscita, ma uscirà soltanto su PlayStation 5 (anche se non è chiaro se si tratterà di un’esclusiva temporale). Per ulteriori dettagli su mondo e personaggi. Cosa ne pensate di quanto trapelato dalle parole di Yoshida? Ovviamente è ancora presto per sapere quali siano le reali intenzioni della software house (intenzionata, tra l’altro, a far temporaneamente silenzio sul titolo) , ma vi invitiamo ad esporci le vostre teorie qua sotto nei commenti!

Ecco qui di seguito la descrizione del mondo di gioco: “La terra di Valisthea è costellata di Cristalli Madre. Imponenti e luccicanti catene rocciose di cristallo sovrastano i regni circostanti inondandoli di etere. Per generazioni, i popoli di questa terra si sono radunati intorno a queste sorgenti di luce per sfruttarne l’etere e lanciare potenti incantesimi capaci di garantir loro una vita di agi e abbondanza. Grandi potenze sono sorte intorno ai Cristalli Madre, legate l’una all’altra da fragili rapporti di pace, ora minacciati dalla diffusione della Piaga e dalla sua potenza distruttrice“.