2 views
0

Metamorfosi in atto per Electronic Arts che il 14 agosto 2020 ha annunciato sul suo sito web ufficiale il rebranding dei suoi servizi. Entro il 18 agosto 2020, infatti, EA Access e Origin Access saranno presto uniti e inglobati con nuovo nome, che sarà EA Play.

Con questa mossa, EA ha deciso di aggiornare anche l’immagine dei suoi servizi in abbonamento, con l’obiettivo di rinvigorire i due marchi sotto un’unica identità più consolidata, al fine di evitare che i giocatori si confondano, risultando meno caotica e più diretta. Allo stesso tempo, EA migliorerà l’esperienza dell’utente con l’aggiunta di nuove sfide e premi esclusivi per i suoi giochi. In fondo, non siamo del tutto sorpresi dalla strategia intrapresa dalla publisher statunitense, poiché abbiamo già esperito simili orientamenti dalle concorrenti come Steam o Uplay.

EA Play

Niente paura, il rebranding non comporterà dei cambiamenti nell’utilizzo o nei costi per i clienti, i quali potranno continuare tranquillamente a giocare con il loro abbonamento attuale, secondo le modalità già pattuite e note. Tutto questo dovrebbe servire semplicemente a creare coerenza e uniformità da parte di EA, risultando più compatta agli occhi del pubblico, rendendo il servizio più riconoscibile e meno fraintendibile.

Sicuramente, molti utenti apprezzeranno la mossa di EA, intenzionata a frenare questo caos, visto che quest’iniziativa è indirizzata verso più piattaforme diverse, ma proponendo un unico appellativo. Inoltre, EA Play offrirà l’accesso ad un catalogo comprendente più di 100 giochi, l’accesso anticipato ai giochi più popolari in arrivo, contenuti speciali per gli abbonati e uno sconto del 10% sull’acquisto di alcuni titoli. Attualmente, EA AccessOrigin Access Basic sono disponibili al prezzo di 3,99€ al mese o 24,99€ all’anno. Origin Access Premier, invece, costa 14,99$ al mese o 99,99$ all’anno. Allo stesso modo, anche EA Play offrirà un abbonamento al costo di 3,99€ mensili o 24,99€ annuali.