7 views
0

Among Us è sicuramente uno dei titoli più giocati del momento. Grazie alla community sempre attiva su Twitch, il gioco è riuscito a prendersi una grossa fetta di pubblico solo nell’ultimo periodo portando l’interesse di streamer ed utenti alle stelle. Il gioco infatti è stato sviluppato e pubblicato ufficialmente ben due anni fa da un team formato da solo tre persone. È proprio a causa di questo fattore che Among Us risulta essere una facile preda per attacchi hacker o di spam (come in questo caso).

Nelle ultime settimane Innersloth ha deciso di bannare alcuni giocatori scorretti utilizzando un metodo a dir poco alternativo, visto anche la mancanza di risorse per una piccola azienda sviluppatrice di sole tre persone. La richiesta da parte del web di aiutarli fa scaldare letteralmente il cuore a qualsiasi giocatore, cosa che nell’ultimo periodo sembrerebbe funzionare. Purtroppo i guai per Among Us non sono finiti qui, recentemente il gioco ha subito un attacco spam che ha colpito milioni di giocatori in tutto il mondo.

Among Us

A causa di questo hack, che ha cominciato a diffondersi lo scorso giovedì, i giocatori stanno ricevendo in continuazione vari tipi di messaggi. Questi variano dall’iscrizione a determinati canali Youtube e Discord di un certo “Eris Loris” con minacce annesse fino a messaggi promozionali per la rielezione di Donald Trump il prossimo 3 novembre. Innersloth è a conoscenza di tutto questo e sta usando ogni suo mezzo a disposizione per sistemare la questione, invitando i giocatori a partecipare solo a partite private fino a quando la situazione non si sarà risolta. La nota testata giornalistica Kotaku è riuscita a mettersi in contatto con il suddetto hacker. Alla domanda del perché avesse fatto questo, la sua risposta è stata la seguente: “Ero curioso di vedere cosa poteva succedere, e personalmente l’ho trovato divertente. Sono la rabbia e l’odio a renderlo divertente”.

Cosa ne pensate di questa notizia? Avete ricevuto spam strani nell’ultimo periodo? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto nella sezione dedicata. In attesa di informazioni aggiuntive vi invitiamo a seguire le nostre pagine, sperando che la situazione si risolva nel migliore dei modi.