0

Reggie Fils-Aimé dal 15 aprile prossimo non sarà più il presidente e il chief operating officer di Nintendo of America. L’annuncio era arrivato nel febbraio scorso dopo circa 20 anni trascorsi dal manager all’interno dell’azienda di Nintendo Switch. Nello spiegare la sua scelta, Reggie aveva dichiarato che non si trattava di un game over ma di un level up per trascorrere più tempo con la moglie, la sua famiglia e gli amici. In ogni caso ci sono alcuni progetti in cui l’ex presidente di NoA è coinvolto: entrerà, infatti, nel board of directors di GameStop e  sta lavorando su un nuovo libro.

Durante un’intervista pubblica alla Cornell University, dove lo stesso Reggie insegna, il manager ha parlato della sua esperienza in Nintendo e anche del suo legame con Satoru Iwata, artefice del successo degli ultimi vent’anni di Nintendo e scomparso nel 2015. Reggie ha raccontato che lui e Iwata legarono fin da subito per via del loro background molto simile da outsider rispetto all’azienda. Reggie inoltre ha spiegato che la scomparsa del presidente di Nintendo gli ha fatto prendere atto in maniera dolorosa di quanto la vita sia breve e quanto vada vissuta in pieno ogni giorno.

Nintendo

Iwata sarebbe stato inoltre l’artefice non solo del successo della Wii ma anche della Nintendo Switch. Il concetto di una console che possa essere giocata ovunque, in qualsiasi momento e situazione, alla base proprio della console ibrida Nintendo, è dovuto all’ex presidente di Nintendo come aveva confermato anche il game designer Shigeru Miyamoto.

Per quanto riguarda le scelte che portarono al design delle console da Wii in poi, Reggie ha spiegato che secondo i dati in mano a Nintendo nel 2001, il software delle console cominciava a diventare un po’ stagnante come settore e per questo Nintendo preferì puntare sulla tecnologia piuttosto che sulla grafica come Sony e Microsoft. Infine Reggie pensa che i genitori dovrebbero far giocare ai propri figli Animal Crossing New Horizons per imparare qualcosa su come gestire i mutui.