28 views
0

Con un messaggio pubblicato sul suo profilo Twitter Joel Burgess, Studio Director di Bethesda, ha fatto sapere che il pastore tedesco che aveva interpretato Dogmeat in Fallout 4 è morta. Si chiamava River, le cui fattezze erano state utilizzate per realizzare il modello e gli effetti sonori del cane presente nel quarto capitolo di Fallout. Nel tweet, Burgess racconta alcuni processi creativi del personaggio, spiegando che lui e il team di Bethesda non volevano che Dogmeat sembrasse un’arma nelle mani del giocatore.

Fallout 4

Al contrario, l’obiettivo era che risultasse prima di tutto un importante e felice compagno durante l’avventura. Non a caso, anche il team di Bethesda ha avuto modo di conoscere la cagnolina non solo per partecipare allo sviluppo, ma anche come un membro della squadra, portando positività all’interno degli studi. Il suo comportamento, i movimenti, così come anche il modo in cui River si spostava nell’ambiente che la circondava, ha ispirato gli sviluppatori al fine di introdurre un compagno canino quanto più realistico possibile in Fallout 4.

Peraltro, vennero registrati addirittura molti dei suoi versi, così da poterli portare direttamente nel gioco. Todd Howard stesso si mostrò decisamente propositivo alla presenza di River nel team di sviluppo, proprio perché teneva molto al far risultare Dogmeat un compagno credibile e affidabile. In Fallout 4, infatti, River può portarci alcuni oggetti, attaccare i nemici, bloccarli o difenderci da loro.

Il suo padrone, Joel Burgess, la ricorda come “l’antidoto per la sua più grande preoccupazione per il personaggio di Dogmeat: un’arma canina e niente più”, riferendosi proprio all’importanza del suo ruolo nel gioco. Rivela anche che inizialmente avevano pensato di studiare cani più “professionali”, come quelli della polizia o dei film. River aveva addirittura partecipato ad alcune riunioni: il suo ruolo più importante, dice Burgess, era quello di “stare con il team” proprio perché “più tempo passavano con lei, più ne la vedevano come un’amica”.