14 views
0

Il prossimo 19 novembre Pokémon Diamante Lucente e Perla Splendente approderanno ufficialmente su Nintendo Switch anche se in questi giorni già qualche fortunato ha potuto metterci le mani sopra. I due remake di una delle generazioni più amate non sono certo quello che si aspettavano i fan con una grafica “chibi” che non ha mai impressionato i fan di vecchia data fin dal suo primissimo annuncio.

Leggende Pokémon Arceus

Da diversi anni ormai la serie Pokémon ha subito aspre critiche da parte dei videogiocatori in tutto il mondo, alcune di queste assolutamente sensate altre invece decisamente esagerate. Un dirigente di The Pokémon Company ha spiegato che gli sviluppatori dei titoli hanno “la pelle dura” e si sono ormai abituati ai giudizi che ricevono ogni giorno.

Il direttore del marketing J.C. Smith si è tolto un paio di sassolini dalle scarpe parlando delle critiche ricevute da parte dell’azienda. “Abbiamo un gruppo di creatori e professionisti che lavorano presso The Pokémon Company che hanno affrontato situazioni a dir poco spiacevoli. I ragazzi hanno quindi la pelle più dura di tante altre persone di altre compagnie”. Smith ha aggiunto che il team si consulta praticamente ogni giorno con delle idee ben chiare da sviluppare, ovviamente prendendo in considerazione anche tutti i feedback ricevuti da parte dei fan. Il loro obiettivo, sostanzialmente, è quello di trovare una giusta via che metta d’accordo lo sviluppatore ed i compratori.

C’è da considerare che Pokémon Spada e Scudo hanno ricevuto giudizi di ogni tipo, alcuni dei quali davvero condivisibili. Speriamo quindi che sia i due remake in arrivo tra una settimana ma soprattutto l’attesissimo capitolo in arrivo a fine gennaio possano, in qualche modo, tranquillizzare i fan. Voi cosa ne pensate di queste dichiarazioni? Che rapporto avete con i giochi di Pokémon? Fateci sapere la vostra con un commento qui sotto nella sezione dedicata. Come sempre vi invitiamo a rimanere sintonizzati sulle nostre pagine per scoprire tutti gli eventuali dettagli in merito.