4 views
0

Mentre attendiamo con trepidazione le prossime notizie riguardanti le line-up di lancio di Xbox Series X, il capo della divisione Xbox Phil Spencer ha espresso la sua visione su quello che per lui sarà un importante salto generazionale, molto simile a quello che ci fu con il passaggio dal 2D al 3D. “La prossima generazione cambierà drammaticamente il modo di percepire i videogiochi” ha dichiarato inoltre Spencer, affermando così come le prossime novità in arrivo con la nuova console avranno un grosso impatto sul modo di percepire gli stessi videogiochi.

Per Phil Spencer, dunque, a breve assisteremo a un enorme salto generazionale molto simile a quello che abbiamo vissuto col passaggio dal 2D al 3D. Si tratta di affermazioni molto forti che allo stesso tempo mostrano grande fiducia sul lavoro svolto dal team Xbox per la creazione della nuova piattaforma di gioco.

Nelle scorse ore su Twitter, un utente ha chiesto maggiori spiegazioni a Phil Spencer, ponendogli alcune domande relative alle nuove tecnologie di cui sarà dotata Xbox Series X, quali Ray Tracing e fotogrammetria. In particolare, l’utente ha cercato di ottenere maggiori dettagli su quali fossero i principali motivi che renderanno così maestoso il prossimo salto generazionale.

Non si è fatta attendere molto la risposta del capo di Xbox, il quale ha così risposto all’utente: “Il Ray Tracing su console sarà grande. Ma io sono molto concentrato attorno al lavoro che stanno facendo sul Dynamic Latency Input (DLI). Dal mio punto di vista, il modo con il quale i videogiochi della prossima generazione saranno percepiti cambierà drasticamente. Un cambio del genere non si vedeva dai tempi del passaggio dal 2D al 3D. Tutto questo sarà possibile grazie alle nuove CPU, al DLI, alla larghezza di banda e all’utilizzo degli SSD.”

Vi ricordiamo inoltre che non dovrebbe mancare poi così tanto per l’annuncio dei giochi in arrivo su Xbox Series X. Phil Spencer non si è mai detto così entusiasta sui lavori svolti dal team e le ultime dichiarazioni non fanno altro che aumentare la nostra voglia di scoprire cosa ci aspetterà con la prossima generazione di console.