3 views
0

MLB The Show 21 è stato pubblicato anche su console Xbox e questo ovviamente non stupirebbe, se non si trattase di un’esclusiva prodotta da Sony. L’affascinante racconto però di come un gioco svilupato da un diretto concorrente approdi su una piattaforma rivale non è l’unica prova che i tempi stanno per cambiare. C’è infatti un altro tassello del racconto, che riguarda hardware ancora non annunciati e dev kit.

Xbox Series X

Per chi fosse completamente neofito in campo di sviluppo software vi spieghiamo rapidamente come funziona il tutto. Quando si decide di sviluppare per una console si può richiedere un dev kit. Il developer kit non è altro una console più potente e con delle feature specifiche per lo sviluppo su una determina piattaforma. Spesso si usano questi hardware per garantire un porting perfetto e la peculiarità di tutto il racconto risiede nel fatto che un anno prima delle uscita di Xbox Series X e Series S Microsoft ha dovuto spedire appunto i dev kit a Sony.

L’inedito dettaglio è stato raccontato da Sarah Bond, head of game creatore experience and ecosystem di Xbox, in una intervista con Axios. “Si è trattato di un segnale di forte fiducia”, ha dichiarato la Bond. In effetti spedire i dev kit delle prossime console di casa Microsoft ad un diretto concorrente è un segno di fiducia, anche se ovviamente la casa di Redmond non aveva nulla da tenere.

Prima di ricevere un determinato dev kit (che sia Nintendo, Sony o Xbox appunto) i vari team firmano un NDA, un accordo di non divulgazione. Se qualcuno all’interno degli studi di San Diego avesse rotto l’accordo, pubblicando o divulgando le caratteristiche della prossima console di casa Microsoft sarebbe ovviamente stato multato. Aggiungiamoci anche se esistono dei vincoli per evitare lo spionaggio industriale: non si tratta solo di fiducia, dunque, ma anche di un mondo in cui vigono delle regole che se infrante possono portare a serie conseguenze a livello legale ed economico. La storia è comunque buffa ed è davvero figlia dei tempi che cambiano: dite che PlayStation “ricambierà” mai il favore?