12 views
0

Sembrava che la lunga telenovela tra Dr Disrespect e Twitch dovuta al suo ban dalla piattaforma fosse finita, ma lo streamer ha recentemente affermato di avere tutte le informazioni in mano per poter fare causa.

Dr Disrespect era stato bannato da Twitch lo scorso giugno 2020, e secondo quanto afferma il popolare content creator non erano state fornite spiegazioni dalla piattaforma di streaming. Da allora, Dr Disrespect ha trovato casa su YouTube ma dopo i primi accesi commenti non è mai tornato sulla questione se non in rare occasioni, come per esempio il 26 giugno per il primo anniversario del suo ban. Poche ore fa, tuttavia, ha affermato di essere a conoscenza del motivo del suo ban, e per questo sta preparando i documenti necessari per avviare un processo contro Twitch.

Al momento del suo ban, Dr Disrespect era uno dei top streamer di Twitch, dato che contava più di 23 mila abbonati. Aveva anche una media di spettatori esorbitante, quasi simile al numero dei suoi abbonati, il che probabilmente portava anche a un numero enorme di donazioni. Queste sono le parole che lo streamer ha detto in diretta su YouTube parlando di Twitch: “Non posso parlarne, ma molte persone mi chiedono ‘Sai il motivo?’. Sì, ora so il motivo. Lo so da mesi ormai il motivo. E ve lo dico subito, campioni: c’è un motivo per cui gli stiamo facendo causa. Non so come altro dirlo. L’ammontare dei danni e – meglio non dire niente… Nah, nah“.

Twitch per il momento è rimasto in silenzio sulla questione, come suo solito quando si tratta di bannare un content creator della sua piattaforma. L’unico commento fatto a riguardo in passato da parte dell’azienda è stato “abbiamo prove che lo streamer ha agito in violazione delle nostre linee guida della comunità o dei termini di servizio.” In sostanza la ragione del suo ban sarà nota probabilmente solo se e quando Dr Disrespect porterà avanti una causa legale contro la piattaforma.