0

Ubisoft ha rilasciato una corposa patch per The Division 2, che è andata a modificare numerosi aspetti del titolo, come il bilanciamento del gameplay e numerosi bug fix. Nel dettaglio, l’update ha inserito delle modifiche alla Caccia all’Uomo Stagionale, che ora permette ai giocatori di progredire a difficoltà normale o superiore, e ha migliorato inoltre le ricompense per le attività open world.

In aggiunta, l’update 8.4 di The Division 2 ha inserito la riduzione il danno inflitto dagli NPC a tutte le difficoltà, insieme alla loro salute e armatura, che andranno a variare in base al ridimensionamento del gruppo con cui si sta giocando. Parlando invece dei fix ai vari bug, è stato corretto un errore che resettava le impostazioni grafiche quando un giocatore moriva, o la risoluzione di un problema che sovrapponeva le statistiche della salute su quelle dell’armatura. Di seguito, vi forniamo un recap dei maggiori bilanciamenti al gameplay e ai danni implementati:

  • La Caccia all’Uomo Stagionale è stata cambiata per permettere ai giocatori di progredire sia a difficoltà normale che superiore. Questo renderà il giocare in compagnia più semplice poichè tutti i giocatori guadagneranno progressi, a prescindere dalla difficoltà selezionata dal capo gruppo;
  • Aumentata la qualità delle ricompense derivanti dalle Attività Open World, che ora saranno in linea con le altre;
  • Numerosi bilanciamenti ai danni dei nemici e alla loro salute/armatura: ridotto il danno di tutti gli NPC a qualsiasi difficoltà e a tutti i tipi di nemici, il che significa che infliggeranno meno danno ai giocatori rispetto al loro danno attuale, oltre ad avere salute e armatura ridotti in base al ridimensionamento del gruppo e alla difficoltà di gioco, variando anche in base alle attività in cui essi sono presenti. Ciò non vale per i nemici di difficoltà Eroica e Leggendaria, che andranno ad aumentare i loro valori in base alle statistiche del gruppo di gioco;
  • Ridotta la salute dei Warhounds, il danno dello Sniper Warhound e il danno della minigun Warhound.

The Division 2 ha ricevuto numerosi cambiamenti anche per quanto riguarda il lato PvP del titolo, in cui ora tutte le armi infliggeranno -20% di danno agli avversari, con un’ulteriore riduzione del danno dei fucili e MMR del 10%. Ridotta, inoltre, la distanza della carica della Mina Seeker da 12 a 10 metri, e il raggio di esplosione dai 6 ai 4 metri. Parlando poi dei fix ai problemi del titolo, tra le risoluzioni più importanti ci sono: fix del reset delle impostazioni grafiche alla morte di un giocatore; le granate adesive non infliggevano danno in situazioni particolari; migliorie al data streaming su PlayStation 4; risolto un problema in cui il rank stagionale veniva resettato.

Per terminare, vi ricordiamo che The Division 2 si è ampliato da poco con l’espansione Warlords of New York, avete mai riscontrato uno dei problemi citati? Cosa ve ne pare delle modifiche significative ai danni in PvE e PvP?