20 views
0

In molti si sono chiesti come mai Electronic Arts e DICE non abbiano mai creato Star Wars Battlefront 3. I motivi potrebbe averla appena spiegati Tom Henderson, insider e giornalista, molto vicino a diversi studi videoludici. Tramite Twitter, Henderson ha voluto fornire quelli che sono stati i motivi del perché ad oggi non abbiamo (ancora) un successore del reboot della serie, cominciato nel 2015 e arenatosi nel 2017.

Star Wars Battlefront

Stando alle parole di Henderson, il terzo capitolo di Star Wars Battlefront non si è fatto per un semplice motivo: i costi. L’insider afferma infatti di aver parlato con uno sviluppatore in passato, che ha svelato l’amara verità. “Avevamo presentato un terzo capitolo ma ci è stato detto di no perché avrebbe richiesto il 20% di vendite in più per guadagnare le stesse cifre viste con il secondo titolo del franchise”, le parole dello sviluppatore che vuole (ovviamente) rimanere anonimo.

Non è solo un problema di costi e di licenze, ovviamente. Anche perché se è vero che Star Wars Battlefront 3 non si farà, è anche vero che lo stesso Henderson afferma che ci sono altri progetti single player in sviluppo presso DICE. Uno di questi potrebbe essere il sequel di Fallen Order, mentre il secondo sarebbe avvolto nell’anonimato. Probabile, in Electronic Arts erano (e sono ancora convinti) che un altro gioco prettamente multiplayer non riuscirebbe ad essere profittevole rispetto all’investimento.

Star Wars Battlefront, almeno per ora, sembrerebbe essere una serie abbandonata da parte di DICE ed Electronic Arts. Soprattutto considerando che diverse figure chiave dello sviluppo hanno lasciato il team di sviluppo, come ad esempio il creative director Dennis Bränvall e il core gameplay designer Christian Johannesé, oltre che lead hero designer Guillaume Mroz. Nonostante ciò, ci sono diversi altri giochi della serie creata da George Lucas attualmente in sviluppo. E uno di questi, indovinate un po’, è in lavorazione presso Ubisoft.