4 views
0

L’ultimo sondaggio della GDC 2023 sullo Stato dell’Industria dei videogiochi ha svelato diverse informazioni sulle preferenze e sulle opinioni degli sviluppatori, tra cui le loro piattaforme preferite per la produzione di videogiochi. Tra le nuove console come PS5 e il PC, la preferenza però non sembra essere cambiata.

Come riportato da Business Wire, il sondaggio ha chiaramente mostrato come il PC sia la piattaforma preferita da parte degli sviluppatori, con il 65% delle preferenze. Segue PS5, con il 33% dell’interesse. Fanalino di coda, invece, le due piattaforme di Microsoft per questa generazione, ovvero Xbox Series X e Xbox Series S. Al di là delle piattaforme, il sondaggio ha poi svelato ulteriori interessanti aspetti degli sviluppatori. Come riportato da Business Wire, infatti, per il 91% degli intervisti ritene che le molestie e la tossicità dei giocatori siano un problem adecisamente gravi nell’industria. Il supporto per le unioni sindacali (comuni in Europa, rare negli Stati Uniti d’America) trovano il supporto da parte dei partecipanti al sondaggio. Altri aspetti del sondaggio riguardano poi il metaverso, argomento decisamente chiacchierato dal 2021 in avanti. Come riportato dagli intervistati, Fortnite sembra essere il “vincitore”, con Epic Games che si troverebbe in una posizione migliore rispetto ad altre compagnie come Meta o Roblox.

Il dato sul sondaggio più importante arriva però dagli intervistati e dalla loro “area” di provenienza. La maggior parte dei partecipanti al sondaggio lavora negli studi più piccoli e non fa parte dell’industria tripla A. Si tratta di un chiaro segnale di come moltissimi professionisti si siano oramai quasi “stufati” di lavorare negli studi più grossi, in favore di una libertà creativa e di ritmi di lavoro più sostenibili altrove.

Il sondaggio della GDC apre le porte alla nuova edizione della Game Developer Conference, che si terrà quest’anno, dal 20 al 24 marzo 2023. L’evento non è ovviamente dedicato ai giocatori, ma più che altro gli sviluppatori stessi e alle persone che lavorano nell’industria.