2 views
0

La battaglia contro i call center clandestini potrebbe essere a una svolta, come riporta oggi La Repubblica. La Polizia Postale, di intesa con diverse Procure della Repubblica ha segnalato all’AGCOM che il fenomeno è sempre più dilagante.

Lo scenario è ormai risaputo. Al netto del telemarketing rispettoso delle norme sulla privacy, ne esiste un altro sempre più aggressivo. Non solo vi sono call center che fanno uso di elenchi di numeri sottratti illegalmente ma adottano anche software che effettuano le chiamate in automatico e tramite “cli spoofer” celano il vero numero del chiamante. Quest’ultima è una grave violazione delle norme vigenti poiché il ricevente dovrebbe poter essere in grado richiamare il numero che gli compare sul telefono.

Insomma, vi sono call center clandestini che in alcuni casi attuano vere e proprie truffe. Alcuni si spacciano per l’attuale operatore del cliente, altri per l’AGCOM, altri ancora per enti inesistenti. L’obiettivo è sempre quello di far cambiare operatore e quindi abbonamento o tariffa.

A questo punto, secondo l’AGCOM, una possibile via di uscita potrebbe essere quella di mettere in gioco gli operatori TLC italiani. Ecco spiegato il motivo, come riporta La Repubblica, per cui il Garante avrebbe intimato alle telco di attuare una vigilanza preventiva su questo genere di attività.