14 views
0

Per celebrare il milione di follower su Twitter, The Pokémon Company ha deciso di creare un oggetto speciale. Parliamo, come avete potuto intuire dal titolo di questa notizia, della bici da un milione di dollari che è stata presentata nei giochi Rosso e Blu della serie, ovvero i primissimi episodi del fortunato franchise di casa Nintendo. La bicicletta, fortunatamente, non costa per davvero una cifra milionaria ma è limitata ad un contest.

Pokémon Rosso Artwork

Per portarsi a casa questo vero pezzo da collezione targato Pokémon, purtroppo, è necessario essere residenti in Giappone. Infatti il tutto è riservato solamente a chi abita nel paese del Sol Levante e la partecipazione avviene tramite una semplice condivisione, con un hashtag apposito, tramite Twitter. Il fortunato vincitore potrà però vantarsi di avere un oggetto davvero unico. E non solo per la rarità, ma anche per il design e per come è stato prodotto.

Come è possibile vedere dalle foto, infatti, la bicicletta Pokémon è sicuramente un oggetto di pregio e di lusso. Il design richiama quella vista nei giochi Rosso e Blu ma sono i dettagli a renderla davvero unica. Le ruote hanno una finitura con delle Poké Ball stampate sopra, così come sul manubrio. Poi sono presenti le incisioni di Pikachu e Snorlax, due dei pocket monster più amati e più iconici della serie. In aggiunta, mentre la si usa, la bici riproduce lo stesso identico tema che siamo stati abituati a sentire nel corso delle avventure con i due giochi.

Tutto troppo bello per essere vero? Purtroppo sì. La bici Pokémon (tra l’altro la serie tornerà con un videogioco originale e open world nel corso dei prossimi mesi) non si può usare come… una bici. Manca infatti la catena. Insomma, non ci troviamo davanti ad un vero e proprio mezzo di locomozione ma più davanti ad una sorta di squisito (ma ingombrante) oggetto d’arredamento. Sogno infranto o solo rimandato? Chissà, magari un giorno un modello simile (e perfettamente funzionante) troverà davvero spazio alla commercializzazione. Sognare, d’altronde, non costa nulla.