4 views
0

Il termine videogiochi, per come li concepiamo noi, nasce più di settant’anni fa con il primo “gioco elettronico”. Ovviamente questa non vuole essere una notizia riguardante la storia del gaming, ma a quanto il videogame, specialmente quello moderno, abbia cambiato gli stili di vita delle persone. Con l’arrivo di PS5 e Xbox Series X e S siamo giunti alla nona generazione videoludica, una evoluzione davvero tangibile che è migliorata nettamente nel corso degli anni. Siamo anche consapevoli come, alcune persone, vedano il “videogiocare” come qualcosa infantile, per bambini. Ma è davvero così?

Un nuovo report di NPD Group confermerebbe che gli over 45 negli Stati Uniti giocano in modo costante ai videogiochi. Il report in questione è denominato “Evolution of Entertainment” all’interno del quale vengono presentati i risultati di un sondaggio con 5.000 persone residenti negli USA, grazie a questi dati sappiamo che oltre il 79% dei consumatori negli USA ha giocato ad un videogames negli ultimi sei mesi, un dato davvero incredibile se ci pensate. Il tempo speso sui videogiochi è aumentato del 26% dalla scorsa analisi, il tutto magari è dovuto anche al fatto della pandemia che ci ha tenuti chiusi in casa, incentivando senza dubbio questa pratica.

Nintendo PlayStation Xbox Microsoft Sony

Le persone d’età compresa tra i 45 e 54 anni, hanno speso il 59% di tempo in più e il 76% di denaro in più. La cosa che fa pensare è che c’è stato un incremento pazzesco nel campo mobile, ma anche su quello console. La cosa che fa sorridere sono gli over 65: si parla di un tempo di gioco medio aumentato del 45%, con spese del 29% in più.

“Questi dati potrebbero semplicemente riflettere l’accelerazione di un trend che era in atto già prima della pandemia. Se è così, allora il mercato dei videogiochi potrebbe sperimentare una continua crescita senza rallentamenti dopo la pandemia. In caso contrario, potrebbe esserci un notevole calo prima di ritornare a una crescita”: Ha detto Matt Piscatella, analista di NPD. In effetti il COVID potrebbe aver influito sui numeri, ciò comunque non toglie che gli adulti giocano sempre di più ai videogiochi, e questo è un dato di fatto.