4 views
0

Che il prossimo capitolo della serie di Call of Duty possa essere proprio Modern Warfare 2, sequel del gioco del 2019, se ne parla ormai da molti mesi. Mentre gli appassionati dello stile che caratterizza la serie sono in attesa di scoprire cos’ha in serbo per loro Activision dopo Call of Duty Vanguard, giungono oggi alcuni curiosi dettagli su una presunta nuova modalità del prossimo gioco del franchise.

Call of Duty Modern Warfare

Il leaker RalphsValve ha spiegato su Twitter che una modalità molto specifica sostituirà le Special Ops nel presunto Call of Duty Modern Warfare 2 del 2022. Al suo posto, ci sarà un gameplay in stile horror ispirato nientemeno che a P.T., il “playable teaser” del Silent Hills cancellato e creato da Hideo Kojima nel 2015. Per chi non la conoscesse o non la ricordasse bene, l’opera scaricabile gratuitamente su PlayStation 4 metteva i giocatori nei panni di un protagonista in prima persona, (che si sarebbe rivelato poi essere Norman Reedus) all’interno di un corridoio a L che si ripeteva all’infinito.

Per avanzare nel gioco era necessario compiere alcune azioni precise, mai specificate, e in momenti quasi sempre puramente casuali si poteva morire per mano di un fantasma. Allo stesso modo, il leaker riferisce che la presunta modalità di Call of Duty Modern Warfare 2 che ne prende ispirazione avrà luogo in spazi chiusi e quasi sempre bui, dove l’utente dovrà utilizzare visori notturni e combattere contro misteriose creature che possono apparire da un momento all’altro.

Scopriamo però anche altri dettagli sul vociferato capitolo della serie del 2022, sempre dallo stesso leaker. La campagna avrà un sistema di gore molto più dettagliato e realistico, soprattutto nella rappresentazione delle uccisioni: in base a dove saranno colpiti, i nemici reagiranno in modo differente e anche i rumori che emetteranno varieranno di conseguenza, passando da gridi di dolore a vere e proprie convulsioni. Insomma, se quanto affermato dall’utente venisse poi confermato da Activision, significherebbe proprio che il publisher vuole davvero fare le cose in grande con l’esperienza di gioco. Restiamo quindi in attesa di informazioni ufficiali da parte di Activision o Infinity Ward.