0

Lo sviluppatore AlphaDream per 19 anni ha curato la serie Mario & Luigi per piattaforme portatili Nintendo, ovvero fino all’ottobre scorso quando lo studio era stata costretto a chiudere i battenti a causa della grave situazione economica dato che i ricavi a fronte dei costi di sviluppo si erano rivelati troppo bassi. Nintendo però sarebbe intenzionata a portare avanti la serie o a mantenerla, in qualche modo, in vita.

Secondo quanto riporta il sito LetsGoDigital, citato da Nintendo Life, il 9 gennaio, ovvero tre mesi dopo la chiusura per bancarotta di AlphaDream, Nintendo of America ha registrato in Argentina il marchio per Mario & Luigi. Nel documento si legge il campo di applicazione molto vasto di applicazione della proprietà intellettuale: «Cartucce per computer da gioco; memory card per giochi; software per computer; memory card per video game; software interattivo di intrattenimento per giocare ai videogiochi; smartphone».

Mario e Luigi

La registrazione ovviamente denota un interesse da parte di Nintendo of America nei confronti della sua proprietà intellettuale ma al momento non dà alcuna indicazione specifica. La casa di Kyoto potrebbe volere semplicemente tutelare la propria serie di videogiochi, realizzare nuovi titoli della saga oppure realizzare un nuovo remake di un episodio già esistente. Se è pur vero, inoltre, che Nintendo non gestisce più console (esclusivamente) portatili, un nuovo titolo o un remake potrebbe arrivare anche su smartphone.

Gli ultimi capitoli pubblicati prima della bancarotta dello studio, non a caso, sono stati Mario & Luigi: Superstar Saga+Bowser’s Minions (2017), remake di Superstar Saga per GBA, e Mario & Luigi: Bowser’s Inside Story+Bowser Jr.’s Journey (2019), remake di Bowser’s Inside Story. La serie, infatti, è sempre rimasta sulle console portatili partendo dal GBA sino ad arrivare al Nintendo 3DS.