0

Manca sempre meno all’arrivo di Resident Evil 3 Remake, il nuovo gioco di Capcom. Ieri abbiamo avuto modo anche di provare la demo su PS4, Xbox One e PC, la quale nasconde vari segreti, come i Mr Charlie e la cassaforte (tipico elemento della serie). Non dobbiamo però dimenticarci da dove tutto è nato: Resident Evil 2 Remake, uscito lo scorso anno. L’apprezzato gioco horror di Capcom è quindi la scelta perfetta per riempire queste ore di quarantena: e perché non farlo sfruttando anche una mod che aggiunge il 4K, il ray tracing e vari altri effetti grafici?

Parliamo ancora una volta dell’esperto modder MassiHancer, che ci presenta il suo lavoro in un video in alta qualità: lo potete vedere qui sotto, ovviamente con uno schermo 4K.

MassiHancer ci spiega che il suo obbiettivo era di ottenere un’ambientazione più horror, con colori più caldi e accesi, ma al tempo stesso ha voluto aggiungere una serie di effetti filmici (che come sappiamo sono ormai la sua firma). Non manca ovviamente il ray tracing e una correzione al contrasto originale, imperfetto nella versione PC di Resident Evil 2 Remake.

Per quanto riguarda i programmi usati, MassiHancer ci spiega che ha lavorato in primis con Reshade, ha sfruttato combinazioni di effetti e tonemap e si è dedicato all’illuminazione, utilizzando anche i nuovissimo “RT Shader” Beta per Reshade di Pascal Glitcher. Tramite tutto ciò, ha ricreato gli effetti della “Global illumination” e dei riflessi realistici, che si possono facilmente notare nel video.

Nel complesso, ogni elemento del gioco è stato migliorato: illuminazione, riflessi, ombre, color grading, blur e profondità di campo. Ha usato anche la tecnica del doppio contrasto per fornire profondità e spessore alle ambientazioni del gioco, cercando di sfruttare al massimo le potenzialità dell’RT Shader grazie al quale tutte le ombre e l’illuminazione del gioco sono state migliorate.

Con una RTX 2080 Ti, Resident Evil 2 Remake moddato gira a 60 fps stabili in 4K. Cosa ne pensate del risultato finale?